INTERIORS

24 luglio 2018

Come dipingere le pareti di casa: dalla scelta del colore alla realizzazione

Dare nuovo smalto ai muri delle nostre case è spesso la scelta vincente se si vuole rinnovare gli spazi in cui si vive senza stravolgerli completamente. Tinteggiare le pareti è infatti una operazione che si dovrebbe fare periodicamente per far sì che gli spazi mantengano una sensazione di "nuovo", ma è anche un espediente efficace per portare una ventata di novità e cambiare radicalmente l'aspetto della nostra abitazione.  Ma, come si dice, tra il dire e i fare c'è di mezzo il mare, e quella della scelta del colore non è per nulla un'operazione facile come potrebbe sembrare. Gli aspetti da considerare sono infatti sia di tipo pratico/tecnico, sia soprattutto di tipo progettuale, poiché il mercato ci offre tantissimi tipi di pittura e colori tra cui scegliere ma non tutti sono adatti al contesto in cui devono essere inseriti. Vediamo insieme i vari step da affrontare prima di cimentarci in questa stimolante operazione di restyling!

Toni caldi o freddi?
Sto per darvi una pessima notizia, ma il vostro gusto in fatto di colori non c'entra nulla con l'interior decoration. Lo so, sono spietata.
Per scegliere la tinta giusta bisogna che teniate in considerazione prima di tutto la dimensione dello spazio: vale infatti la regola generale per la quale i colori scuri e quelli caldi rimpiccioliscono mentre quelli chiari e freddi allargano. Inoltre, non sempre quella di dipingere tutte le pareti dello stesso colore è una scelta azzeccata. Se avete necessità di rimpicciolire una stanza dispersiva o dare ariosità ad un monolocale ci si può concentrare su una o due pareti per raggiungere l'effetto desiderato. Io comunque consiglio sempre di stare sui toni neutri, che non vuol dire rinunciare al carattere:  un tortora scuro sulla parete corta di una stanza lunga e stretta sarà sicuramente d'effetto!


immagini via Pinterest

Fare attenzione al pavimento

Il pavimento viene bistrattato da tutti quando si sceglie il colore dei muri, ma incide moltissimo sulla percezione della stanza. Pavimenti con effetto pietra o marmo si armonizzano con una varietà  maggiore di tinte, mentre se avete un pavimento sui toni del beige con fuga grigia o scura state particolarmente attenti perché sta male con quasi tutti i colori. In questo caso più che mai una palette neutra è la vostra migliore alleata.


immagini via Pinterest

Stile dell'arredamento

Se siete pazzi per lo stile classico ma anche amanti dei colori brillanti beh, è ora di trovare un compromesso. Se qualcuno vi dice che un bel colore acceso ravviva un ambiente dall'aspetto antiquato, non dategli troppo ascolto. Anche in presenza di un arredamento moderno, che solitamente ha materiali che si prestano maggiormente ad accostamenti più arditi, sconsiglio sempre di scegliere colori forti per pitturare la propria casa se non si è seguiti da un professionista. Se proprio non volete rinunciare ai rossi e ai verdi allora optate per le tinte polverose, non brillanti. I muri (così come il pavimento) dovrebbero essere come una quinta scenica pensata per far risaltare gli arredi e quindi gli spazi; se il colore è talmente invadente da "mangiarsi" tutto quello che gli sta attorno allora è il caso di valutare altre scelte: l'effetto pugno in un occhio è dietro l'angolo.


immagini via Pinterest

Tessili

Non dimentichiamoci delle tende, dei cuscini e dei tappeti, tutte cose che contribuiscono molto a dare carattere alle nostre case. Anche in questo caso vale lo stesso discorso fatto per i mobili: i toni dei muri devono esaltare gli oggetti presenti nelle stanze, quindi cercate di scegliere tinte che si armonizzino con questi fondamentali complementi d'arredo.


immagine via Pinterest

Materiali ed effetti

Come dicevo prima, i materiali a disposizione per tinteggiare le nostre pareti sono veramente moltissimi. Per la scelta di quello più adatto fatevi consigliare dal rivenditore, a volte la scelta del materiale sbagliato ha delle conseguenze sulla salubrità dei muri. Inoltre non lanciatevi in tecniche che non conoscete, se desiderate avere un effetto particolare e volete che sia fatto a regola d'arte c'è bisogno di un professionista.


immagini via NaturaboyaBericalce 

Realizzazione

Una volta scelta il colore, stabilito quali muri tinteggiare e che tipo di effetto vogliamo siamo pronti per iniziare a pitturare la casa. Ricordatevi che i muri vanno preparati prima di essere tinteggiati, potete vedere come qui. Controllate di avere tutti gli attrezzi necessari prima di cominciare così da non dovere lasciare lavori a metà: teli di plastica e carta di giornale, rullo e pennelli, scotch di carta e carta vetrata, ma anche una mascherina e dei guanti.

Per prima cosa mettete i teli a terra e radunate i mobili nel centro della stanza, coprendoli.  Lo scotch servirà a delimitare la parte che andrete a dipingere, cercate di metterlo il più dritto possibile. Si dipinge prima il soffitto e poi le pareti, per non rischiare di macchiare i muri quando si passa il rullo. Per ottenere un bell'effetto omogeneo ci vogliono almeno due mani di colore, ma se la parete di partenza non è bianca o intonacata potrebbero volercene qualcuna in più.
Buon lavoro!





Be First to Post Comment !
Posta un commento